HCS

Okay // Sono nella mia stanza // la sveglia segna le 22.45 precise // sotto la mia finestra le macchine // litigano nel traffico // mentre i rumori delle discoteche // ballano nell’aria // rimbombando da un palazzo // all’altro // oggi la città // sembra quasi viva // guardo il mio viso allo specchio // sono pronto // si lo sono // questa volta per davvero // scendo in strada e il solito odore grigio // mi si aggrappa alle narici // ma questa volta // lascio che il profumo della città // mi accarezzi lo stomaco // mi incammino lungo il marciapiede // le macchine mi sfrecciano affianco agli 80 all’ora // e mentre nessuno mi vede // mentre nessuno si accorge di me // mi lascio trascinare nella bocca // della discoteca più vicina // l’hcs // scendo le scale al ritmo  // della techno cupa e grottesca // sprigionata dal seminterrato // fino a vedere le note di un pianoforte // strisciare tra decine di corpi sudata // ed è al centro del trambusto // che assaporo il mio abbandono // improvvisamente la piccola sala da ballo specchiata // assomiglia ad una boccia di vetro // e io mi sento un impacciassimo pesce blu // e mentre un sax echeggia tra le pareti // la nausea sale dallo stomaco // fino ad allargarmi il cuore // ora mi sento veramente pronto // esco dal vorticoso caos dell’hcs // comincio a camminare // e infine a correre // così forte da credere di star nuotando // tra io cielo sporco di questa città // e il cemento sulle strade // corro // nuoto // corro // comincio a sudare // il fiato mi si spezza in gola // ecco // sono arrivato // la stazione è completamente deserta // il respiro rumoroso della città // sembra lontano anni luce da qui // il treno sta per arrivare // parto.

 

sul fondo del posto // guardavo più in basso // guardavo quel mostro // seguiva il mio passo // lo sento, lo sento // è perfetto e nel centro // ci masticheremmo // l’un l’altro qua dentro // mi sento strano // ho vent’anni // due lavori  // quattro amici // e solo un mezzo motivo // per avere i piedi // qui dove sono // mi terrò stretto // questo pidocchio che mi dorme nel cuore // che non sono pronto // alla smagliante smania // di vorticare // ed esser l’ultimo a sparire // il dovere di essere stupendi // ma sentirsi brutti // e il resto dirlo a tutti // poi non sentirò niente // io non sentirò niente // no non sentirò niente // non sentirò più niente // sarà il momento di aprirsi un varco // sarà il momento di vomitarmi // e non ne posso più // rotolo in salita // mi trascino al punto // dove la magia è finita // ma sulla porta // qualcosa mi blocca // mi fermo guardo il cielo // in faccia per sputargli in bocca // più che mai nulla è vero // se mi fermo cosa inseguo // più che mai nulla è vero // se mi fermo cosa inseguo // più che mai nulla è vero // se mi fermo cosa inseguo // più che mai nulla è vero // se mi fermo cosa inseguo

LOITE HOME
LYRIC
DAPPERNIENTE EXRCM
MINORATA.DISCIPLINA

ecco il momento // sento il punto // e tocco tutto // stringo ogni cosa // vibra la terra // e le mie mani insieme // mi graffia il petto // quest’incapacità // di essere primo // quest’incapacità // di respirare a fondo // nella lucidità // di cui mi privo // con le capacità // di stare al mondo // nella banalità // sentirsi vivo // con che facilità // si spegne tutto // ma tu prendi slancio e sali // polmoni pieni sopra i mali // che ti accarezzano famelici e animali // impara a calcolare i tuoi silenzi pari // sono anni che prendi la mira // ma quand’è che spari // no io non ti conosco // io non ti conosco // ma il vuoto che hai dentro // assomiglia a questo posto // io non ti conosco // io non ti conosco // ma il vuoto che hai dentro // assomiglia a questo posto // santa // fervida // paura  // di non atterrare più // splendi // lontana  // afferrami tu // dove // finisce il mare // dove non c’è // più spazio per annegare

QURO

gli dei esistono // ma non si occupano di noi // evviva esistono // ma non si occupano di noi // quando ci siamo noi // non c’è la morte // e quando c’è la morte // non ci siamo noi // non ci siamo noi // il piacere è assenza di turbamento // il piacere è assenza di turbamento // il piacere è assenza di turbamento // il piacere è assenza di turbamento // quando il dolore è forte // dura poco // quando è lieve invece // si può sopportare // lo puoi sopportare // si può sopportare // lo puoi sopportare // e poi ci sarà spazio // per ciò che vorrai essere // ci sarà spazio // per ciò che sarai

VS DI ME

La vedi questa crepa // che mi attraversa la schiena // e il mare che ci scorre dentro // tuffatici di testa // ma guai agli schizzi // non vorrai sporcare il mondo // non vorrai // ebbene hai fallito // tutto d’ora in poi si chiude // fino a quando // tramonti che non fanno piangere // luci lontanissime // l’intenzione è uno scherzo morbido // e che la smetta // che la smetta di impugnarmi gli occhi // porte si chiudono // e ogni tuo // rifugio // ogni tuo rifugio // sarà piccolo // vado verso di me // vado verso di me // vienimi a prendere // vienimi a prendere // vienimi a prendere // vienimi a prendere // le cose mi si aggrappano addosso // vanno verso di me // vienimi a prendere // quanto sono scomodo // quanto mi sento in bilico // ci sono troppi modi per tornare a scorrere // le nocche sul tuo ventre // non hai più // non hai più // non hai più // voglia di tremare

e quanto sono scomodo // quanto mi sento in bilico // quanto sono scomodo // quanto mi sento in bilico // le cose mi si aggrappano addosso // vanno verso di me // ma tu // tu // tu

 

 

TOUR STORE
HCS MINORATA.DISCIPLINA QURO VS DI ME
LYRIC
HCS MINORATA.DISCIPLINA QURO VS DI ME
LYRIC